sabato 12 dicembre 2009

Non è proprio così, ma mi sono sbellicata dalle risa... :D

Il bagnetto
Il primo bagnetto del primogenito è una cerimonia che si svolge una sola volta nella vita, per fortuna. Il livello di apprensione dei due genitori è ai messimi livelli e basta un’indecisione per beccarsi un vaffanculo. La temperatura dell’acqua è uno dei fattori cruciali: un errore di pochi decimi e il bambino è fottuto. Esistono termometri progettati apposta per questo scopo, antiurto, galleggianti e dotati di un’inerzia infida e difficilmente prevedibile. Siete due gradi sotto, aumentate la calda, il termometro sta fermo per un po’, quindi parte e si ferma due gradi sopra, aumentate la fredda… Ho sentito di gente che ha fatto fuori dei boiler da caserma per riempire una vaschetta da10 litri. In acqua poi il bambino viene trattato a 4 mani, 6 se c’è una nonna presente (se ci sono due nonne il papà deve levarsi dai coglioni).Con il secondogenito scompare il termometro: si puccia il gomito e si giudica ad occhio. La posizione del bambino viene corretta solo quando comincia a bere.Con il terzo si usa la tattica del polipo: lo si puccia, se le gambine si arricciano vuol dire che è troppo calda.Credo che nessuno abbia mai lavato i figli dal quarto in poi, al massimo una passata al lavasecco prima di Natale, per togliere le macchie più evidenti.

Il pannolino
Le aziende che producono pannolini fanno i soldi sui primogeniti. Il primogenito lo controlli:-per definizione dopo ogni poppata;-ogni volta che senti un rumorino;-ogni volta che una nonna sente un rumorino (anche per telefono);-ogni volta che senti un’odorino;-ogni volta che una nonna sente un’odorino (anche per telefono);-ogni volta che non sai cosa fare.Apri, niente, ma il pannolino lo cambi lo stesso.Con il secondogenito cambi il pannolino appena prima che i vicini di casa chiamino il camion per gli spurghi pensando che sia un problema di fossa biologica.Il terzo il pannolino se lo cambia da solo, e pedalare.Dal quarto in su i pannolini o se li comprano, oppure vasino.

Il biberon
Dopo la nascita i casi sono due: o allattamento al seno, o biberon. L`allattamento al seno presenta molti vantaggi, è più sano, più naturale, il latte è sempre pronto alla temperatura giusta, la tetta è per definizione sterilizzata e allatta solo la mamma (questo, ovviamente, è un vantaggio solo se siete un papà). Ma il vantaggio più importante è quello di potere avere una mano libera, essendo la tetta autoreggente (almeno si spera). L`allattamento a biberon prevede viceversa l`uso di due mani, una che regge il bambino, l`altra che regge il biberon. La questione è di secondaria importanza per le prime poppate del primogenito, durante le quali rimirate rapiti con sguardo ebete il vostro virgulto, attenti a che non scenda una gocciolina di latte sullaguancina, e che la tettarella sia sempre piena acciocchè non abbiano a formarsi bolle d’aria nel pancino, noncuranti del fatto che sono le tre del mattino, ci sono 12 gradi e voi siete in mutande e canottiera, perchè travolti dal pianto isterico di quel bastardo avete dimenticato pure le ciabatte.Con il secondo quei 20 minuti che dura mediamente un poppata sono eterni. Dopo 30 secondi cominciate a guardarvi in giro sconsolati alla ricerca di qualcosa da fare, e soprattutto di un modo per farlo. Quei 90cl di latte glieli sparereste giù col compressore. Di solito in queste situazioni ci si trova sul divano del salotto, e la prima tentazione è quella di accendere la tele, ci sarà pure qualche cazzo di roba da vedere. Per una delle leggi di Murphy il telecomando si trova sempre alla distanza di Tantalo, vicino ma irraggiungibile. E poi, anche se fosse raggiungibile, bisogna liberare unamano. Gli stratagemmi sono svariati: quello che viene più naturale è cercare di reggere il biberon con il mento, esercitando una leggera pressione. I figli degli appassionati di questa tecnica soffrono spesso di palatoschisi. Viceversa si può liberare la mano che regge il bambino, tenendolo con l`incavo del braccio. Ad alcuni genitori dopo il secondo figlio spuntano addirittura delle ditina all`interno del gomito, che consentono tra l’altro di fare il gesto dell’ombrello con un braccio solo. Alla fine ci si ingegna, si recupera il telecomando con un piede esibendo uno snodo tipo Heather Parisi, si libera una mano e si zappa, finalmente. Nel frattempo il biberon è orizzontale da 10 minuti, il bambino ha ingurgitato aria sufficiente a farlo scorreggiareper tutta la vita e si spara 2 ore di coliche.Non so cosa succeda dopo il secondo. Pare che il terzo impari prestissimo a reggersi il biberon da solo, mentre il quarto esca spesso per andare al ristorante.

La documentazione
Del primogenito si documenta tutto. Esistono addirittura delle specie di diari con gli appositi spazi per annotare giorno per giorno tutti i parametri vitali del bambino, e pagine speciali per gli eventi eccezionali, il primo dentino, la prima parola, i primi passi. A volte c’è anche uno spazio feticista per appiccicare ciocche di capelli o altri pezzi del bambino stesso. Una mamma ha tabellata in testa a vita tutta la curva di crescita del suo primogenito, come un gigantesco file excel. Anche il papà, che però dopo un paio di mesi formatta e non si ricorda più un cazzo.Con il secondogenito scompare il quadernino, e con questo anche ogni tracciabilità. Il suo grafico di crescita è un gradino: prima non c’era, adesso c’è.Del terzo ci rendiamo conto che è figlio nostro solo quando ci chiede il motorino.Dal quarto in su è impossibile distinugerli dai compagni di nido, di asilo o di scuola. Dopo una festa di famiglie numerose capita di beccarsi i figli degli altri.

Il sonno
Il primogenito mangia ogni 2 ore, giorno e notte. Tra un pasto e l’altro talvolta dorme, ma siete talmente in ansia che non si ingozzi con il vomito che vi alzate comunqe ogni cinque minuti per vedere se respira. Il tempo di reazione a un suo pianto è di 6 secondi netti. Quando cresce va a letto con la mamma o col papà, o con entrambi, e si fa leggere un minimo di 8 favole per sera.Il secondo mangia ogni 4 ore, la notte anche 6, e tra un pasto e l`altro dorme come un tonno, eppure ogni volta che si sveglia si becca un vaffanculo. Il tempo di reazione al suo pianto va dai 3 ai 15 minuti, ai quali va aggiunto il tempo per trovare la culla dispersa per la casa (cosa che ricorda molto la caccia al cellulare). Quando cresce va a letto con il primogenito, che gli racconta quel cazzo che gli pare.Il terzo mangia quando può e va a letto con i primi due, che gli raccontano le loro avventure sessuali. Dal quarto in poi dormono direttamente in discoteca.

22 commenti:

  1. Mamma mia quanto ho riso, mi sono persino venute le lacrime agli occhi, ma dove l'hai trovata questa cosa meravigliosa? O l'hai scritta tu?
    Comunque sia è veramente fantastisca e anche un po' veritiera.

    RispondiElimina
  2. Trovata qui, tra i commenti a un post di questo simpaticissimo blog: http://mammaepoi.splinder.com/post/21858232#comment

    RispondiElimina
  3. fortissima....!!!!!
    per fortuna non è sempre così.....

    RispondiElimina
  4. che ridere!!! effettivamente mi domandavo se l'avessi scritta tu.... :-)))

    RispondiElimina
  5. Di MIO ci sono solo le foto che fanno da "illustrazioni"... ;)

    RispondiElimina
  6. grazie di essere passata da me ...

    io vengo a leggere i tuoi pensieri perchè mi ritrovo in ogni tua parola, e mi emoziono, perchè è quello che penso anch'io ma non ho le parole giuste per esprimermi...
    è vero non ci conosciamo e questo è un limite. .. spero di conoscerti prima o poi!

    Intanto ti sono vicina via cavo.....
    XOXO

    RispondiElimina
  7. grazie stasera avevo proprio voglia di due risate!!
    Moni

    RispondiElimina
  8. un post fortissimo!!! grazie Chiara!!
    baci
    Silva

    RispondiElimina
  9. ci vorrebbe il tasto da facebook "mi piace" :)

    RispondiElimina
  10. questa è la ciliegina da mettere sulla torta di una splendida giornata!!! auguri al tuo cucciolo, non mi ricordo quale dei tanti, che ha compiuto gli anni!!!

    RispondiElimina
  11. Bellissima!!!
    Troppo forte ;o)

    RispondiElimina
  12. Mi ci sono ritrovata in pieno, anche se mi fermo al secondogenito!!! La storia del biberon ed il telecomando l'ho risolta prendendo prima il telecomando e poi, casomai, anche il bebè col biberon!
    dada

    RispondiElimina
  13. Mi hai fatto passare 5 minuti di sane risate....molto veritiera, per fortuna non sempre è così, ma .....adesso forse è il caso che presti attenzione a Tommy - il famoso 4°!!!- che sono esattamente 6 minuti che è qui con il ditino puntato sul fondoschiena....dovrò forse dargli 10 euro così esce, si compra i pannolini e, già che c'è, anche il latte per stasera, se lo vuole prima di addormentarsi???
    Un bacione e auguri in ritardo al tuo bimbo natocomelamiafranci il 13 dicembre.
    ale

    RispondiElimina
  14. Madonna che ridere, anche se non ci ho bambini per il momento mi sono anche io scompiasciata!
    E brava Chiara, che nel mezzo del pelago dei casini non perde l'ironia e il sorriso!
    Baci!

    Laura

    RispondiElimina
  15. Favolosa!!!!
    Ma la parte 'feticista' mi ha fregata....stavo per fare un LO con attacato il primo dente caduto di Tommi...mi sà che lo tengo nel cassetto:):):)
    Me la salvo ...anche se non conosco nessuno, a parte te, con tre figli!!!!
    Bacio
    Danio

    RispondiElimina
  16. non tutto è vero, ma è veramemnte divertente!!!

    RispondiElimina
  17. troppo divertente, pure io mi sono sbellicata dalle risate :D

    RispondiElimina
  18. Troppo divertente!!!! Comunque è vero che col primo figlio si è più oserei dire ossessive, più precisine, più attente ai dettagli. Io ho solo un figlio e so già che se ne avrò mai un secondo su molte cose sarò più rilassata ed è anche meglio così.... magri potrei mandarlo al ristorante, anticipo, tanto al quartogenito non ci arrivo di sicuro!!!! :)

    RispondiElimina