martedì 23 gennaio 2018

Arretrati!!!

Scrappo poco, si sa; anzi, pochissimo... ma qualche piccola isola di scrap nella mia vita resiste ancora. Anche se, in genere, su richiesta o per precisa necessità, purtroppo molto di rado per puro diletto.
A seguire, alcuni lavori svolti per lo più a fine anno scolastico scorso.

 1. ALBUMINI PER LE MAESTRE!!!

 Se Dio vuole anche l'ultimo figlio ha finito la scuola materna, quindi questi dovrebbero essere stati gli ultimi. Devo dire però che rispetto ai figli precedenti mi sono organizzata meglio: ho usato carte fronte retro, un formato 15x15 che mi consentisse di usare al massimo ogni foglio, un template che si ripeteva con piccolissime variazioni di posizione, pochi abbellimenti tutti omogenei. Queste piccole strategie hanno velocizzato di molto la confezione degli albumini. Ho usato anelli apribili per lo stesso motivo: altre soluzioni sarebbero state più dispendiose sia in termini di denaro sia di tempo. Ho anche rispolverato un vecchio amore: la DYMO! per scrivere i nomi dei bambini.

Ecco alcune immagini (i quadernini erano quattro, in genere le carte si ripetevano, ma in ordine diverso e con foto diverse, dando comunque una bella impressione di varietà (e poi comunque ogni maestra vedeva solo il proprio 😁)


2. QUADERNINI PER I MIEI 'ALUNNINI'!

Lo scorso anno ho portato a termine il mio primo ciclo di superiori senza interruzioni per nascite di figli o trasferimenti di scuola. Non serve dire quale legame sentissi per questi ragazzi che ho accolto bambini e ho visto trasformarsi sotto i miei occhi in uomini/donne meravigliosi.
Volevo quindi salutarli con qualcosa che avesse significato per me e mostrasse loro il mio affetto: ho optato per gli insostituibili quadernini! Stavolta non Muji ma Tiger, ottimi e molto simili in effetti.
Il tema non poteva essere che ALBERI, attraverso timbri tutti diversi (non ne ho moltissimi: erano gli studenti ad essere pochi); mi sono fatta aiutare da qualche washi tape e ho personalizzato all'interno con il nome ed un augurio ad personam per il loro futuro.

Eccoli qua.











Visto che li amavo follemente, non mi sono fermata qui: nel lontano primo anno avevo scattato loro una foto... nell'ultimo mese di Quinta ne ho scattata un'altra... ho quindi fatto stampare per tutti il collage delle due foto, a sottolineare il percorso di crescita svolto.
Dietro ad ogni foto, la stessa frase, ovviamente presa dal Piccolo principe di A. De Saint Exupery.



Imbustate in plastichine riciclate e chiuse con finti washi tape: degli scoccini colorati da teenager che mi ha regalato mio fratello :)

3. QUASI LO!

In prima elementare si fa il regalo di Natale alle maestre?? Sì... no... abbiamo optato per qualcosa di simbolico, quindi, ovviamente... UN ALBERO! 😂
Abbiamo regalato alle maestre e alla classe stessa un albero con Treedom, un simbolo che possa crescere con i nostri bambini per questi prossimi cinque anni.
"Chiara, fai tu il biglietto?"... come dire di no?
Solo che mi sono fatta un po' prendere la mano e ho fatto un biglietto 30x30! 😂
Il testo sul retro è la riduzione (per questioni di spazio) di quello scritto da un'altra mamma.
In classe poi l'hanno appeso al contrario... ma pazienza.
In ogni foglia c'è il nome di un bambino.




Visto che non ci sentiamo da tanto vi aggiorno anche su questo: mi sono fatta i capelli verdi 😁

martedì 14 febbraio 2017

Meeting lombardo con Roberta Rosi

Domenica sono stata al meeting lombardo per il quale ho rinunciato al Nazionale... ma sapevo di andare sul sicuro perche la 'maestra' è stata Roberta Rosi ❤
I suoi progetti sono sempre elegantissimi e di grande effetto pur non presentando strutture complicate, prova ne è il fatto che sono persino riuscita a finire il minialbum che ci ha proposto! Gli ho dedicato una mattinata, oltre alla giornata di meeting, ma è davvero raro che finisca qualcosa, quindi si tratta davvero di un evento eccezionale.

Come al solito non sono riuscita ad attenermi strettamente alla proposta anche perchè ho usato delle carte che avevo in casa e quindi il risultato è molto diverso dal suo (che - mi dicono - è già stato pubblicato in dispensa sul sito dell'asi). Speravo di trovarne quakche scatto sul blog di Roby ma ho scoperto che non è molto aggiornato... in mancanza d'altro vi linko il post su Fb dove si parla del meeting.

Primo cambiamento consistente: oltre a nero, bianco, rosso e oro ho inserito il verde, e anche se ho infilato qualche macchina fotografica qua e là, ho puntato di più sugli alberi (ma va'?!). Poichè non avevo ancora scelto le foto, ho sostituito il tema viaggi con quello della vita in generale.
Poichè non avevo la piuma (epoichènon amo i brillantini) in copertina sotto il titolo ho inserito uno strappo di carta gialla che risultasse comunque luminoso.


Per la copertina ho sperimentato la modeling paste (dopo aver tentennato nell'acquisto oscillando tra questa, il gesso - che non ho mai usato - e il mio amato acrilico) e mi sono trovata bene.


All'interno erano previste due bellissime pagine strette e lunghe chiuse in cartelline realizzate con la fuse, ma poichè non posseggo questo attrezzo e volevo comunque finire il lavoro, ho sostituito questo inserto con dei mini page protector usati per il progetto di Ciacchina e riadattati per l'occasione.













Per il resto, ho cercato di non tradire l'impostazione originale rispettando gli abbellimenti e limitandomi ad usare (tranne alcuni) i miei timbri invece di quelli messi a disposizione.

Il risultato è un album che mi piace molto, ma decisamente lontano dall'effetto superchic dell'originale: Roberta è decisamente unica!

martedì 13 dicembre 2016

Cornice per un amico







Non ho potuto che attenermi ai colori della cornice per decorare l'interno (l'idea comunque è che il destinatario tolga il 'biglietto' per metterci una foto personale).
Le letterine sono ritagliate dai titoli dei capitoli di un vecchio libro e incollate su una striscia di biadesivo in modo da facilitare l'applicazione. Poichè il cerchio nero è una chipboard, dietro l'etichetta e il timbro ho messo del biadesivo spessorato.
La parte interna è tutta sotto vetro, mentre sopra alla cornice, esternamente,  ho applicato - sempre con biadesivo spessorato - il bottone di ceramica.

giovedì 1 dicembre 2016

Per Federico (anzi, per la sua mamma!)





Poche settimane fa, un'amica cara al mio cuore che non sentivo da tempo, Lizzy, si è rifatta viva e ha espresso il desiderio di veder tornare in vita il mio blog.
In questi anni di silenzio ho pur realizzato qualcosa di scrapposo, anche se POCHISSIMO, ma non ho mai trovato il tempo di caricare nulla.
Per farla contenta, visto che mi ha fatto un bellissimo regalo (che troverete QUI), pubblico l'ultimo minialbum realizzato in occasione di un Meeting ASI Lombardia grazie ad una maestra d'eccezione: Ciacchina! (per altro, vedo che anche il suo blog è arenato a qualche anno fa... appena scopro dove posta ora le sue meraviglie vi metto il link).
Come al solito sono un'alunna indisciplinata e ho completamente personalizzato e stravolto la sua proposta originale (appena la trovo... vedi sopra).

La mia è una versione adattata ad un cucciolo nato da poco. Mancano ancora le foto, che ho aggiunto successivamente, ma l'idea c'è.
Carte, ALBERELLI, animaletti vari, qualche trasferello che ormai non si attacca più e mi tocca ritagliare :D, tutto sui toni verde/azzurro/marrone che sono i miei preferiti e che trovo perfetti per i maschietti.
Dell'idea di Ciacchina ho amato particolarmente le minipagine formato polaroid (o adesso si dice Istagram?) e quelle divise in quattro.
Vi chiedo pazienza, sono completamente arrugginita e non ricordo un termine tecnico che sia uno. Chissà che per riuscire a non impazzire nella follia della corsa quotidiana io non riesca a rimettere un po' di testa in questo magico mondo?! ;)

Beijos para todo mundo :))
Tobina

mercoledì 27 maggio 2015

Francesca

Questo l'avevo dimenticato!!!
Per la bellissima figlia della mia collega e amica speciale (come sono fortunata... maestre speciali, colleghe e amiche speciali...  ♥ )!


Anche se scrappo una volta al secolo, alla fine faccio poi sempre le stesse cose: ritagli di carta (stavolta ho giocato un po' con le sovrapposizioni), timbri a bolle con acrilico bianco, foto scartavetrata come nella miglior tradizione :D, una nuvoletta... e qualche strass! That's incredible! Ma mi servivano, anche se nella foto no n si vede bene il colore, a richiamare l'insegna del negozio.
Infine, colpo di fortuna, un adesivo tondo con le stesse ciliege che compaiono sul barattolo nel negozio ;)  Riprendere i colori della foto nelle carte e nelle decorazioni (così il giallo e l'azzurro) è più forte di me: più invecchio, più divento maniaca!

Un biglietto speciale per la maestra del cuore

E' passato più di un anno dal mio ultimo post... non mi sembra possibile!!!
Ma lo scrap, seppure solo a livello ideale, occupa sempre un posto importante nel mio cuore, quindi, anche se mooooolto saltuariamente e in genere su richiesta, qualcosina ho fatto.
L'unica fatica di cui al momento abbia foto è quella per la maestra di Ruben, che è ormai giunto alla fine di questi cinque anni meravigliosi.

Non finirò mai di ringraziare Roberta Rosi (Brioscrap) per il corso che fece nel lontano... non ricordo, quando imparai da lei la struttura di questo biglietto, che ho più volte riprodotto adattandolo alle esigenze del momento.

Ecco il retro.

Il fronte.

Prima apertura con 'titolo'. Si vedono già le foto di due dei quattro bimbi che le dedicano questo biglietto.

Apertura completa. Invece della foto, all'interno ho inserito una specie di riproduzione in piccolo dello stesso modello del biglietto, in carta da lucido e sottotort(in)a, che contenesse dei foglietti quadrati tagliati a misura per i pensieri dei bambini e delle famiglie.


Quel che posso dire è che la maestra ha davvero apprezzato, soprattutto il pensiero :)

martedì 29 aprile 2014

Comunione di Ruben: i biglietti

Ormai da millenni non riesco più a scrappare, ma la voglia è sempre tanta, e presto potrò sfogarmi perchè... andrò al meeting nazionale!!! :) :) :) :)

Negli ultimi tempi però sono almeno riuscita a realizzare i biglietti per la Comunione di Ruben. Lui ha scelto la versione decorazione su fondo bianco mattata in azzurro, ma il cartoncino non bastava, e alla fine ho cercato di velocizzare mettendo il soggetto direttamente sul fondo colorato. Insomma, questo è il risultato.



P.S: Avevo finito anche le foglioline in feltro e la carta -legno... mi sono dovuta arrangiare!

Sul retro invece ho incollato, stampata su carta pergamena, una filastrocca scritta da mio fratello per l'occasione. Visto che la foto è sfocata, ve la incollo qui. Se vi è piaciuta, andata a trovarlo su filastrocchesumisura.it


Noi chiamiamo Eucarestia
la dolcissima poesia
per cui Cristo, ad uno ad uno,
tocca i cuori di ciascuno.

Non è un simbolo, ma un atto,
un momento di contatto,
non c’è nulla di più vero,
sulla terra porta il cielo,

porta il cielo dentro il cuore,
perché il cielo è solo amore.
Questo amore ci ha investito
perché sia restituito,

dà a ciascuno una missione:
dare amore alle persone,
così che la vita sia
essa stessa una poesia.
  
A. Giongo

E per chi mi conosce e da tempo non ha un aggiornamento, questi sono I Quattro il fatidico giorno!


Ci vediamo il 15 giugno al Nazionale, beijos para todo mundo!!!